Chirurgia maxillo-facciale

chirurgia-cavo-orale

Chirurgia del cavo orale

La Chirurgia del cavo orale di occupa di tute le patologie che interessano i denti, i tessuti molli (genive, mucose) e le ossa localizzate tra le labbra e l’orofaringe (la gola).

Chirurgia ortognatica

la chirurgia ortognatica si occupa di risistemare tridimensionalmente i mascellari che sono cresciuti in maniera nomala. il trattamento è nella grande maggioranza dei casi di tipo combinato, ortodontico e chirurgico, prevedendo in tal modo un trattamento ortodontico preventivo indispensabile per preparare i denti in previsione dell’intervento chirurgico.

INTERVENTO

L’intervento classico si esegue in anestesia generale e prevede il taglio in punti ben precisi delle ossa mascellari, il loro riposizionamento nella corretta posizione per ottenere la corretta occlusione, e la loro fissazione mediante miniplacche che fissano i segmenti scheletrici.

Chirurgia ricostruttiva preimplantare e preprotesica

Per chirurgia preprotesica si intende la possibilità di ricostruire i tessuti duri e molli dei mascellari in previsione di un trattamento implanto-protesico. Le possibilità ricostruttive sono molteplici: si può utilizzare tessuto osseo autologo od eterologo, in blocco o particolato, le indicazioni variano a seconda del sito da ricostruire, dell’entitá del difetto e da altri fattori.

Disfunzioni dell’articolazione tempore-mandibolare

Le disfunzioni dell’articolazione temporo mandibolare rappresentano una problematica estremamente importate per chi ne è affetto. Coinvolgono una percentuale rilevante della popolazione e presentano solitamente un’eziologia multifattoriale: possono entrare in gioco lo stress, la postura, l’occlusione dentaria o le sue e eventuali modificazioni, traumi a carico del volto o i classici colpi di frusta…. anche la diagnosi e il trattamento sarà quindi multi specialistico potendo riguardare sia il chirurgo maxillo facciale, l’otorinolaringoiatra, l’odontoiatra, il neurologo, il posturologo…

Traumatologiadelle ossa facciali e dei tessuti molli soprastanti

La traumatologia facciale si occupa della diagnosi e del trattamento delle fratture e dei loro esiti che coinvolgono lo scheletro facciale. Il chirurgo, attraverso approcci chirurgici ben precisi, riesce a ricostruire lo scheletro facciale come i pezzi di un puzzle, potendo fissare i vari segmenti fratturati con microplacche e micro viti senza lasciare alcuna traccia visibile del proprio operato